In offerta!
DSC04604

Mattioli, Fagiuoli

180€ 118€

1 disponibili

Descrizione prodotto

Autore: Pietro Andrea Mattioli (Siena 1501 – Trento 1578) Titolo: Fagiuoli Epoca: 1565 ca. Tecnica: Xilografia Misura: Mm.325×230 ca. Descrizione: Questa bella illustrazione tratta dall’opera “Commentarii in sex libros Pedaci Discoridis Anazarbei de Medica materia” edito della “Ex Officina Valgrisiana”, erede di Vincenzo Valgrisi di Venezia. E’ acquerellata a mano e ottime sono inchiostratura e conservazione. Note: Nato a Siena, Pietro Andrea Mattioli, si trasferisce in giovane età a Venezia e si laurea in medicina, esercitando la professione di medico, prima nella sua città natale, poi a Roma. Si sposta a Trento nel 1527, ove diventò medico personale del Principe Vescovo Bernardo Cles al quale dedica il trattato “De Morbo Gallico” ed il poema in versi “Il Magno Palazzo del Cardinale di Trento” pubblicato nel 1539. Mattioli si trattiene in Trentino per circa 30 anni ed in queste zone di montagna ha modo di dedicarsi alla ricerca sulle proprietà delle piante. Nel 1539, alla morte del Principe Vescovo Cles parte per Gorizia, Praga e poi per Venezia, dove terminò e pubblicò l’opera che lo rese celebre “I Commentari a Discoride Anazarbeo”. L’opera del medico senese, nata come commento a “Discoride”, assunse notevole fama grazie alle numerose aggiunte relative alle nuove piante scoperte e fu una delle opere più importanti del sedicesimo secolo. Discoride, il più importante medico botanico dell’antichità, influenzò per circa 16 secoli tutti gli studi botanici occidentali, nacque a Tarso nel primo secolo d.C., viaggiò molto e studiò ovunque erbe e piante durante i suoi viaggi. Fu suo il primo sforzo di catalogazione sistematica delle piante esistenti, egli ne catalogò circa 500. Il Mattioli aumentò i “Commentarii in sex libros Pedaci Discoridis Anazarbei de Medica materia” con molte nuove tavole, soprattutto di botanica medica ed i suoi studi accurati e dettagliati su ogni pianta gli valsero il merito di essere considerato un membro della scuola di osservazioni morfologiche “Vesulian”.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Mattioli, Fagiuoli”