DSC04431

Sergi, La guerra

50€

1 disponibili

Descrizione prodotto

Autore: Sergi Sergio Titolo: La guerra Epoca: Marzo 1925 Tecnica: Xilografia su legno Descrizione: Nitida e ben impressa è l’inchiostratura, con evidenti contrasti di colore che denotano l’eccellente qualità di questa xilografia, impressa dai legni originali e stampata su carta coeva, ottimo è lo stato di conservazione. E’ tratta dalla pubblicazione “Xilografia” stampata in trecento esemplari a Faenza dal 1924 al 1926 presso lo Stabilimento Grafico Fratelli Lega di cui Francesco Nonni era il direttore. Bibliografia: Sergi Sergio nasce il 26 ottobre 1896 nella città di Trieste. Nel 1911 apprende le prime nozioni artistiche dall’austriaco Swittbert Sobisser, padre benedettino, pittore, muralista e incisore e poi si laurea alla Royal e Imperial Vienna Institute grafico. Partecipa alla prima guerra mondiale e nel 1919 due sue prime xilografie “Self Portrait” e “Mia nonna” sono accettati alla Biennale di Venezia. Dal 1920 al 1925 è nominato Sovrintendente delle opere d’arte dell’antichità per Italia per le province di Trieste, Istria, Gorizia e Udine. Partecipa a esposizioni internazionali di Rio de Janeiro, Milano e Parigi. Nel 1927 emigrò in Argentina e 1929 si stabilì a Santa Fè dove lavora come insegnante di disegno in alcune Scuola per adulti. Nel 1931 e 1932 rappresentare l’Argentina alla Fiera Internazionale delle Litografie e Xilografie organizzata da The Art Institute di Chicago e diventa professore di Disegno presso la Santa Fe Municipal Lyceum. L’anno successivo è docente presso l’Università Nazionale di Litoral. Contribuisce poi al lavoro di organizzazione e di fondazione della Scuola di Belle Arti di Santa Fe, che gestirà. Diventa Docente di Disegno e Pittura presso l’Accademia Nazionale di Belle Arti di Mendoza e Professore di Disegno presso la Scuola di Arti Plastiche dell’Università di Cuyo. Nel 1956 è nominato Vice Direttore della Scuola di Arti Plastiche di UNC. Muore a Mendoza il 16 giugno 1973.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Sergi, La guerra”